Pajassi

Postato in 27 dicembre 2013 da admin

Ragassi,
i pajassi
romai i se strassi.
I va benon a súgar
par no’ negàr,
sora e só lagreme.
No’ ze colpa del tenpo
ma co’l tenpo,
anca e croste…se stáca,
ze a zente da mò stanca!

Pagliacci: Ragazzi, / i pagliacci / sono oramai stanchi (ne hanno combinato di tutti i colori). // Vanno benone per asciugare / per non annegare, / dentro le proprie lacrime. // Non è colpa del tempo / ma con il tempo (perso), / anche le “croste”…si staccano da sole,/ è la gente che da tempo è stanca!

1° Concorso Nazionale “Citta’ di Bassano del Grappa”

Postato in 23 luglio 2013 da brigante

Oggetto: 1* Concorso Nazionale quinquennale di poesia dialettale “Città di Bassano del Grappa” indetto dall’Accademia “Aque Slosse” in collaborazione con A.N.PO.S.DI.
Associazione Nazionale Poeti e Scrittori Dialettali e l’assessorato alla Cultura di Bassano del Grappa
Siamo arrivati alla conclusione del primo giro di boa, abbiamo tutti i nominativi del premiati inviatici da parte delle giurie regionali.
Un ringraziamento alle giurie e ai loro presidenti/presidentesse di tutte le regioni, anche a quelle che non hanno avuto partecipanti, al presidente e al segretario, coordinatore, della Associazione Nazionale Poeti e Scrittori Dialettali.
A giorni sarà a disposizione l’elenco anche nel sito – www.aqueslosse.it –
– Valle d’Aosta: Patrizia Lino via Piave 17 – 28100 Novara ” Le Parole de Mon Voyadzo”
– Piemonte: Bruno Massimino via Langhe 42 – 12061 Carru’ (CN)  “Àngel dij sògn”
– Lombardia: Dario Tornago via Hernanda 7 – 25128 Brescia “Pa Biscòt”
– Veneto: Bruno Castelletti via Amatore Sciesa 10 – 37122 Verona “Stéle da l’Orsa”
– Trentino A. Adige: Lorenzo Cosso c.so Alpini 15/a – 38121 Trento “Ve dago el me cor”
– Friuli Venezia Giulia: Stefano Lombardi via A. Zardini 7 – 33050 Precenicco (UD)
“Pensieri d’Inverno”
– Toscana: Rimaco Poggianti via Pulle’ 11 – 35136 Padova
– Abruzzo: Michele Lalla viale Buon Pastore 251 – 41125 Modena “Dê nche éune”
– Puglia: Sante Valentino via Castro dei Volsci 41 – 00179 Roma “U Catùrne”
– Calabria: Paolo La Cava viale Serafini 86 – 60044 Fabriano (AN) “Passìu, vìu e.. zannìu”
– Sicilia: Franca Cavallo via Vanella 35/1 – 97015 Modica (RG) “Scàmpuli ri cielu”
– Sardegna: Giuseppe Tirotto via dei Mille 7/a – 07031 Castel Sardo (SS) “La casa e la
chisura”
Allegata comunicazione personale al vincitore per ogni una delle regioni che hanno avuto autori partecipanti a norma nel Concorso.
Cogliamo l’occasione per porgere cordiali saluti e ci troviamo il 12 di Ottobre 2013 per le premiazioni.
Valerio Agostino Baron – info@aqueslosse.it
Presidente Accademia “Aque Slosse”

Colori

Postato in 21 marzo 2013 da brigante

Tra el ciaro e el scuro
se cata mie sfumaure,
da tinte sfumae
a còeori che i s-cioca.
Vardando ben
semo njaltri che gavimo i oci stuai?
O no ghe ze pì i còeri de ‘na volta?
Mie e mie volte vardando
verso el ceo,
cato còeori che no gavivo mai veduo.
Anca vardando in tra meso
‘na giossa de aqua,
vedo mie robe che splende…

Colori: Tra il chiaro ed lo scuro / si trovano mille sfumature, / da tinte smorte / a colori acceccanti. / Guardando bene / siamo noi che abbiamo gli occhi spenti? / O non ci sono più i colori di una volta? / Mille e mille volte guardando / verso il cielo, / trovo colori che non avevo mai visto. / Anche guardando attraverso / una goccia d’acqua, / osservo cose splendide…

Papa “Francesco”

Postato in 17 marzo 2013 da brigante

Bergoglio, che ben che te vojo!
Anca da qua semo vegnui la in Argentina,
e da la semo tornai ancora qua!
‘na man vien data
a chi che voe jutarse par jutare,
za te ghe fato do passi da gigante
in do giorni che ti si la!
Jente da gnente vegnua par l’oro, ze vissua,
desso ze ora che l’oro serva par i pì poareti…
par poder magnar e laorar
e no’ par farse veder co’ l’oro e i brianti…
semo tuti gran “Briganti”.
“Francesco” sapa come ga sapà ju!

Papa “Francesco”: Bergoglio, che bene che ti voglio! / Anche da qui (Italia) siamo venuti in Argentina, / e da li siamo ritornati! / Una mano viene data / a chi desidera aiutarsi per aiutare, / già hai fatto passi da gigante / in due giorni che sei Papa! / Gente da nulla venuta e per l’oro, vissuta, / ora è arrivato il momento che l’oro serva ai poveri…/ per mangiare e poter lavorare / e non solamente a farsi vedere ricoperti con ori e brillanti… / siamo tutti dei grandi “Briganti”. / “Francesco” rifai i suoi passi!

Vita

Postato in 12 marzo 2013 da brigante

A vita s-cominsia da un amor.
Un’omo e ‘na dona
se cata,
se voe ben,
dal so’ amor
un bociòeo ciapa vita,
nasse da rento,
quando cresse altra vita
tuto torno a ti, ju e a éo,
la se capisse quanto grando ze l’amor!
Carne nea carne ga fato altra carne!

Vita: Una vita comincia dall’amore. / Un’ uomo e una donna / si trovano, / si vogliono bene, / dal loro amore / un bimbo prende vita, / nasce da dentro, / quando cresce un’altra vita / attorno a lei, te e lui, / li si comprende quanto grande è l’amore! / Carne nella carne ha fatto nascere altra carne!

Padrone del …

Postato in 21 febbraio 2013 da brigante

Paron del Mondo!

Sòeo ‘na volta nea vita
se poe esser uguai.
Sior o poareto.
Studià o gnorante.
Busiaro o franco.
Grandesson o avarasso.
Quando el tissio o el cajo
vien messo soto tera
o rento a un lòcueo o brusà,
questa deventa parità.

Padrone del Mondo! – Solo una volta nella vita / si può essere uguali. / Ricco o poveraccio. / Istruito o no. / Bugiardo o sincero. / Spavaldo o avaro. / Quando un o l’altro / muore e viene seppellito / o in un loculo o cremato, / questa diventa pura parità.

Reale

Postato in 7 febbraio 2013 da brigante

Che beo dover ogni tre dìpagar anca par chi no’ paga pì.
Tasse, tassete, inposission.
Senpre pì poareti
strucai, tritai, sfrutai, stratonai,
senpre pì strassoni da andar par carità.
Avendo laorà, suà e sfadigà,
par chi che poco ga fato,
ma co’ e vajse senpre a mo’ de tacojn
par verserse quando i suga roba no’ sua.
Vardano Siena,
go dito Siena e no’ s-chéna o s-cìena
miga i ga i cai ae man
anca parchè i s-chej i ze s-criti su computers
e no’ manegiai, ma i sa come spenderli
tanto no’ i ze sui ma de tuti quei
che doman e pì doman i ghin porta ancora,
jori fa i castej anca se a volte i ze de carta!
Pensa che mente che i ga
un dise che indrio te i da
se te bevi o te fumi o te zughi de pì,
i s-chej i te i da indrio…
a go dito indrio no’ sol dadrio!

Traduzione: Che bello dover ogni tre giorni / pagare anche per chi non paga più. / Tasse, ulteriori tasse, imposizioni. / Sempre più poveri / spremuti, tritati, sfruttati, strattonati, / sempre più straccioni per andare a elemosinare. / Avendo lavorato, sudato e faticato, / per chi poco ha fatto, / ma con le valige come portafogli / per aprirle quando portano via cose non proprie. / Guardando Siena, / ho detto Siena e non schiena o scena / non hanno i calli alle mani / perchè i soldi sono scritti su computer / e non maneggiati, ma sanno come spenderli / tanto non sono i loro ma di tutte quelle persone / che domani o dopodomani ne portano ancora, / loro fanno castelli anche se a volte di carta! / Pensa che mente hanno / una persona dice che ti rende (i soldi indietro) / se tu bevi o fumi o giochi di più, / i soldi te li da indietro… / ho detto indietro e non nel didietro!

Nono Vàerio

Postato in 17 gennaio 2013 da brigante

Me nono Vàerio
o go conossuo che jera xa vecio,
quando vegnea Bassan, a catarne,
rivava tuto intabarà
co’ un capeasso a larghe falde,
in sea de a bicicreta.
Quando se ‘ndava longo “a Brenta”
in tea botega de “Nardini”
ju me metea soto a roda del “Tabaro”,
mi pensavo de essere rento a
‘na capana dei indiani,
me tegnevo ae so braghe de veudo
a costoni verdi,
el giè gavea de stofa quadretà el davanti
jera de fodera lucida el dadrio.
Desso che’l “Tabaro” xe mio,
tanto el nome no’ canbia…
anca el giè co a tabachiera
el me ga assà.

Traduzione: Mio nonno Valerio / era già vecchio quando l’ ho conosciuto, / quando veniva a Bassano del Grappa, a trovarci, / arrivava avvolto dal “Tabarro” / con un cappello a larghe falde, / in sella della sua bicicletta. / Quando si andava lungo il fiume “la Brenta” / per andare nel negozio di “Nardini” / mi metteva sotto la ruota del “Tabarro”, / io pensavo di essere dentro / alla capanna degli indiani, / mi tenevo stretto ai pantaloni di velluto / verdi a coste, / aveva il gilè di stoffa quadrettata sul davanti / mentre il dietro era di fodera lucida. / Adesso che il “Tabarro” è mio, / tanto abbiamo lo stesso nome… / anche il gilè e la tabacchiera / mi ha lasciato. (un ricordo molto bello che mi resta ancora oggi)

Ladri

Postato in 16 gennaio 2013 da brigante

Ladri de un’cò,
quei de ‘na volta jera ladri de gaine,
quanta paura nei punari,
e dàea càneva spariva i sàeadi.
Desso i xe pì fineti
i someja a tanti froceti
co’ tanto de tacheti.
I magna a quatro man,
i schei no’ sui,
ma quei suai da tanti poricani
ciamai anca “Taliani”.
I someja a folpi
co’ mie tentacoi
par star tacai ai schej.
I xe in tanti pajassi
che come i xe stai messi “la”
quando tuti i dise “NO”
co’ un sofion i vien trati xo!

Ladri di oggi, / quelli di una volta erano ladri di galline, / quanta paura nell’aia, / e dalle cantine sparivano i salumi. / Adesso sono più fini / assomigliano a tanti “ga – ga” / con scarpe alla moda. / Mangiano a quattro mani, / soldi non loro, / ma da chi lavora e suda / chiamati anche (comunemente sfruttati) “Italiani” (onesti lavoratori). / Assomigliano a polipi / con mille tentacoli / per non lasciarsi scappare i soldi. / Sono in tanti i pagliacci / come sono stati votati “la” / quando tutti dicono “NO” / basta un soffio e vengono buttati giù!

Concorso Triveneto 2013

Postato in 15 gennaio 2013 da brigante

Alleghiamo Bando di Concorso Triveneto 2013 e paesi confinanti:

BANDI CONCORSO “AQUE SLOSSE” 2013
Norme
1. Il concorso a Tema libero si articola in:
– sezione POESIA
– sezione SATIRA (in versi)
con la possibilità di partecipare ad entrambe.
2. Sono ammessi componimenti inediti, scritti in uno dei dialetti delle Tre Venezie di radice Veneta. Si raccomanda un adeguato Glossario.
3. I componimenti, uno per sezione, stampati e brevi (limite massimo, una trentina di versi), dovranno pervenire a “Premio Aque Slosse” – Casella Postale n° 44 – 36061 Bassano del Grappa (VI)” entro il 15 febbraio 2013 in 6 copie, di cui una sola con firma, indirizzo postale, recapito telefonico ed e-mail. É obbligatorio indicare la Sezione nella quale si intende concorrere.
4. Non sono ammessi al concorso i vincitori dell’ultima edizione, nè i premiati dell’Alfiere d’oro. Non è richiesta nessuna quota d’iscrizione.
5. Le Commissioni esaminatrici, composte da poeti ed esperti di poesia dialettale, sceglieranno, in ordine, le tre migliori Poesie e le due migliori Satire, più even-
tuali Segnalazioni.
6. L’organizzazione si riserva il diritto di una eventuale pubblicazione in raccolte antologiche dei lavori presentati, senza che ciò comporti compenso alcuno al
concorrente.
7. La partecipazione presuppone l’accettazione delle norme che regolano il concorso.
8. Le premiazioni verrano inserite nel contesto della “Festa delle Aque” il 1° maggio 2013 alle ore 15.00, presso Villa Roberti alle Acque di Bassano del Grappa. Stralcio del verbale della giuria sarà comunicata ai premiati.
Al fine di far conoscere l’espressione dialettale, le composizioni premiate e segnalate stampate in un opuscolo, saranno diffuse presso le scuole medie superiori,
le associazioni e i gruppi vari in un ambito territoriale da noi contattabile e, a richiesta, anche altrove. Con questa iniziativa s’intende dare a più persone la possibilità di esprimere una loro scelta di gradimento che sarà resa
pubblica in un incontro con gli autori (recita – dibattito) da realizzarsi entro Dicembre 2013. In tale occasione viene assegnato l’Alfiere d’oro. Le relazioni prodotte saranno poste agli atti nell’archivio dell’Accademia.
Diffondere il presente bando, soprattutto tra i giovani e i ragazzi, è contribuire a
salvaguardare i linguaggi della nostra terra.
Per il Premio GINO PISTORELLO sezione A ragazzi delle medie inferiori; sezione B giovani fino al compimento dei 25 anni: tema libero. Si concorre con una sola poesia
in dialetto oppure con una in lingua italiana e una in dialetto. I componimenti, brevi e chiaramente stampati, dovranno pervenire ad Accademia Aque Slosse – Premio
GINO PISTORELLO – Casella Postale n° 44 – 36061 Bassano del Grappa (VI) entro il 15 febbraio 2013 in 6 copie di cui una sola con firma, indirizzo postale, e-mail,
data di nascita, recapito telefonico e per la sezione A il nominativo della scuola di appartenenza.